Social Media Panel

Seguici o condividi questa pagina sui tuoi Social Network



Facebook Twitter
Condividi

Google+ LinkedIn

Condividi
06-09-2011
Vendere su internet con l'e-commerce
Articolo

L'attività commerciale di vendita di prodotti attraverso il web viene definita commercio elettronico (e-commerce) . Col termine vengono indicate tutte quelle transazioni che hanno lo scopo di consentire ad un consumatore l'acquisto di un bene commerciale tramite utilizzo di internet . Queste attività possono essere svolte sia su siti dedicati alla tematica oppure su un proprio sito web.

Lo sviluppo dell'e-commerce è stato reso possibile dall'evoluzione di servizi bancari ed in generale di pagamento on-line e dall'implementazione di nuove tecnologie di sicurezza dei siti internet.

Chi decide di investire nel commercio elettronico lo fa per il seguente motivo :

- aggiungere alle quantità di prodotto vendute presso la propria sede dell'attività commerciale quelle acquistate on-line dagli utilizzatori di internet, con un incremento dei ricavi di vendita a fronte di un minimo investimento;

- "liberarsi" di prodotti fuori stagione o invenduti;

- sviluppare un business di vendita completamente basato su internet;

- poter ottenere sconti presso i propri fornitori, in quanto incrementando il numero di potenziali clienti ci si può permettere di acquistare quantità di prodotto maggiore ed ottenere riduzioni del prezzo, a vantaggio della competitività della propria attività commerciale.

Quanto si guadagna dal commercio elettronico ?

In alcuni casi ben poco ! Ma poco importa ! Chi inzia questa attività è consapevole che non sempre la risposta degli utenti internet sarà repentina ! Spesso esistono dei meccanismi di reputazione utilizzati dai siti che ospitano il negozio tali da favorire quelli già presenti e rallentare i risultati dei nuovi entranti.
Conosciamo imprese che utilizzano l'e-commerce per "perdere di meno" : infatti svendono i prodotti invenduti, cercando di coprire almeno il costo al quale hanno acquistato la merce ! Per quanto possa sembrare difficile comprendere questa situazione, essa consente di ridurre le perdite - da un altra ottica di guadagnare qualcosa in più -.
Il nostro consiglio è sempre quello di vedere il commercio elettronico come una sorta di materasso per l'impresa, sul quale scaricare il peso di merce invenduta nel proprio locale. Con questo approccio - e col tempo - sarà poi possibile ottenere risultati ben più interessanti, quali ad esempio :

- accrescere la reputazione della propria impresa

- incrementare il proprio parco clienti

- aumentare le vendite

- aumentare i ricavi

- sviluppare un business su internet (esistono casi di imprese che hanno chiuso i propri negozi fisici e si sono dedicati completamente al commercio elettronico !!!)

Attenzione : ricordate sempre che l'e-commerce funziona solo perchè più economico del commercio tradizionale ! I prodotti devono essere venduti sempre ad un prezzo inferiore a quello di listino ed il peso dell'attività di trasporto non deve essere da ostacolo.

Dove ?

Internet è composto da miliardi di siti : occorre pertanto scegliere - un pò come accade per le attività in loco - la location migliore per la propria attività commerciale. Recentemente abbiamo assistito ad un incremento dei siti web personali delle imprese nei quali venivano inseriti moduli per il commercio elettronico : questa "moda", spinta dagli stessi produttori di siti web, in quanto rappresenta un occasione di forte redditività per essi, in realtà non porta quasi mai risultati eccellenti.
Voi dove posizionereste il vostro negozio ? Nell'area mercato del comune oppure ovunque ?
Le regole del commercio insegnano che molto spesso la posizione può contare molto di più degli stessi prodotti venduti ! Lo stesso accade per il web !

Dove posizionare il vostro negozio on-line ? Su un sito già noto e assiduamente frequentato oppure su un vostro sito che non conosce nessuno ?
Ad esempio riteniamo che lo strumento di E-bay rappresenti la soluzione migliore sia dal punto di vista della visibilità che dell'investimento necessario per avviare l'attività.
In generale suggeriamo di individuare piattaforme pre-esistenti in quanto è possibile sfruttare i contatti e le visite di cui esse mediamente dispongono.

Come ? Caso E-Bay

Di seguito elenchiamo tutte le attività procedurali ed amministrative necessarie per poter avviare un'attività di commercio elettronico. Precisiamo altresì che ci stiamo riferendo ad utenti in possesso di partita IVA che lavorano nel settore del commercio.

- ISCRIZIONE E-BAY in qualità di venditore professionale, inserendo i propri dati anagrafici per consentire l'emissione delle fatture relative ai servizi offerti dal sito stesso. Verrà creato un profilo che evolverà in seguito alle vendite di prodotto effettuate. Al termine di ognuna di esse, il compratore potrà emettere un giudizio su di voi, che verrà cumulato con gli altri a formare una vostra scheda su e-bay.
Il venditore potrà creare le cosiddette inserzioni di vendita, comunicando caratteristiche, importo, informazioni aggiuntive, modalità di trasporto, garanzie sul prodotto esposto. In caso di acquisto, viene informato dell'avvenuta transazione e alla ricezione degli importi sul proprio conto si provvede alla spedizione della merce.

- ISCRIZIONE PAY-PAL fortemente suggerita ! Pay-pal è uno strumento di pagamento per transazioni attraverso internet che assicura la massima affidabilità sia per il venditore che per l'acquirente. Spesso rappresenta un elemento discriminante per la scelta dei venditori : molti acquirenti si sentono sicuri solo se il venditore inserisce pay-pal nei metodi di pagamento consentiti. Consigliamo altresì di collegare pay-pal una carta di credito prepagata (postepay, lottomatica ecc...) per facilitare le operazioni di gestione delle transazioni.

- COMUNICAZIONE DI COMMERCIO ELETTRONICO presso Sportello Unico Attività Produttive del Comune, Agenzia Delle Entrate e Camera di Commercio di riferimento, indicando la data di inizio effettivo delle attività ! Attenzione a questo punto troppo spesso ignorato ! L'attività di commercio elettronico deve essere aggiunta a quelle commerciali già dichiarate presso gli enti.

 

RISORSE CORRELATE
Non presenti per questo articolo
TAG ARTICOLO
TAG ARTICOLI CONSULENZA
comments powered by Disqus
Logo EnterpriseLab
Privacy Policy © Enterprise Lab - Laboratorio d'impresa 2010/2017 - P.IVA 02712190657
Profilo Facebook aziendale Profilo Google+ aziendale Rete LinkedIn aziendale Profilo Twitter aziendale Canale YouTube aziendale Aggiungi Enterprise a Skype Canale SlideShare aziendale Aggiungi Enterprise Lab ai preferiti
Ing. Antonello Cammarano